Slow travel: give your emotions enough time to arise!

Leggi in italiano!

Every day we struggle through our stressful lives. We wake up, we have breakfast and we dash to work. Then, we repeat that 5 times a week (if you are lucky enough not to work on Saturdays).

Sometimes we don’t even remember what we did the day before, as we always run so fast (it does happen to me for instance when I have to fill up my time sheet at work). Sometimes we do look like hamsters on a wheel: why is that so? Because the culture of this Western World we live in has taught us that what you have got is never enough. And that is particularly true in the business world: it is a never-stopping race about making more and more money. The consequence of it is that we have to meet stricter and stricter deadlines and goals that get more and more challenging. The bottom line is that most of us start each and every week hoping that Friday will come soon to get off this hellish rollercoaster for a couple of days.

You might wonder now why I have written this introduction. Because what sometimes happens next is absolutely crazy! Finally, when they have their long dreamed 2-week vacation, most of the people plan their journey scheduling so many things to do altogether that actually it would take twice as much time. Then, when they get back and you ask them how was their trip, they just say, “Yeah, it was ok, it was fun…”. It is just like everyday life: they rushed so much through their trip and now what do they have left? Nothing! For instance, you know those bus tours when people go through an endless list of things to do and see and they check them out one by one, right? They get to a place, they take a quick picture and then they get back on the bus and ask, “What’s next on the list?”.

What can you truly remember after a trip like this? What emotions can you feel after travelling in such a hurry? It is not a race about seeing as much as you can. You should come home with as many real great emotional memories and moments as you can.

What is slow travel?

So, what is slow travel? Slow travel means to get in a deep connection with the place you are visiting. It means to dedicate the right amount of time to things, starting from the very small ones, like having a coffee. Don’t drink it on the go; just linger over it at the bar; take a seat; relax; take small sips and taste it fully. Slow travel means to stop along the way and listen to a singer who is singing a song you love; it means to wait for the sunset to come on a deserted beach. I have already mentioned these ideas briefly on the post I wrote about a road trip in South Africa. Give time to your senses and mind to fully experience a moment and enjoy it. Observe what is going on around you and the place you are at; hear the sounds and smell the air around you. Feel your heart beating and listen to your breath. Basically, you should be aware of every moment you live. Let your senses expand and let your emotions flow.

So, you might be wondering now how you can really travel slowly. This is some practical advice for your next trip.

Don’t make too tight schedules!

Don’t plan too many things to do in a single day. As I said, dedicate the right amount of time to your activities. If you are visiting a beach for instance, spend at least a couple of hours there: you may want to have a swim into the ocean, relax reading a book or even take a short nap.

Time is a scarce resource (as the economists say): it is never enough! No matter how many days you have for your journey, there will always be something you don’t have enough time for. When we travel somewhere very far, sometimes we get anxious because we think we should make the most of this trip by visiting as many places as possible, since we think that perhaps we will never have the chance to visit this place again. Isn’t it right? But this is absolutely crazy, don’t you agree? Then, just focus on what you really wish to do and see and get the most out of it.

So, if you think that your plan is getting too tight, don’t be afraid to leave something out. It is fine. It is not about seeing places, it is about feeling emotions.

Get lost sometimes!

If you are visiting a neighborhood, just wander along the streets without purpose and go where your guts tell you: you can discover some wonderful hidden places to fall in love with. Or if you are driving around with your car, just take that small road and see where it leads.

I remember one day I was just walking along the shore of South Beach in Miami and 30 minutes later I ended up on the top of a causeway: I had the chance to see a beautiful sunset over the skyline of the city from a great spot! Another time I was in Belgium visiting a friend and we decided to take the first train stopping at the station: eventually we got to Mechelen, that turned out to be a really nice town.

So, trust your guts!

Don’t plan too many miles per day on a road trip!

If you are going on a road trip, don’t plan too many miles in a single day. You may want to stop by a beautiful beach and spend a couple of hours there; or perhaps you may want to take a detour and visit some place you heard along the way… Unless you cannot do otherwise, I would not plan to drive more than three hours a day for instance. So, when you plan your itinerary, consider carefully how many days you have. If it turns out that to reach your final destination you need to drive 500 miles a day, maybe you should shorten it. A road trip should not be a tiring race. See for instance how I planned my trip to Key West from Miami.

Don’t spend just one night in a place!

You should try to immerse yourself in the local culture and in the place you are visiting. Then, avoid to arrive somewhere in the evening and leave in the morning to continue your trip. Try to spend at least a full day on each place you stop by on your road trip. You should feel it yours when you leave and have a good memory of it.

Sometimes you might be attracted by some special flight offer according to which you are supposed to leave on Saturday and get back on Sunday: is it really worth it?

Live like a local as far as possible!

Slow travel means to try to live like a local as far as possible. Do what locals do; go to the bar and restaurants they go; avoid touristy restaurants. Get around the way they do. In this way you can easily meet locals, get to know them and learn more about the place. You may get good advice about some hidden gems that are not listed on any travel guide. Going around by Uber in the United States or in Australia I have had so many great conversations with the drivers and other people in the car. I have got some many good tips by them. As a visitor, every Uber ride is a sort of experience itself. In particular if you choose a pool ride, the driver will pick up other people along the way, usually taking detours from the main roads: so, you will get the chance to see neighborhoods off the beaten path for instance, where otherwise you would never go or that you wouldn’t even know they exist.

Moreover, if you sleep at some locals’ homes, you can get to know the place even better. Consider for instance booking a room with Airbnb. Usually hosts are eager to listen to travellers’ stories and ready to offer tips and suggestions. It is indeed a great experience.

Furthermore, speaking the local language will create a better connection with the local people. Of course, it might be difficult depending on your destination, but just learning a few words or phrases will do: the people you meet will appreciate your effort!

Finally, if you want to avoid too touristy places and instead you wish to go where the locals go, usually most of the cities have some local Facebook groups where they talk about special events or meetups: join them and see what is going on! Are you a salsa lover going to Miami? Just write for instance “Salsa Miami” on Facebook and check out the groups and pages you get.

I hope you have found this post interesting: do share your thoughts and experiences about slow travel on the comments below and don’t forget to follow me on social networks to get the latest updates!

Slow travel: dai il giusto tempo di affiorare alle tue emozioni!

Ogni giorno ci affanniamo nelle nostre vite spesso ricche di stress. Ci svegliamo, facciamo colazione e corriamo a lavoro. Quindi, ripetiamo il tutto per cinque volte ogni settimana (se sei abbastanza fortunato da non lavorare il sabato).

A volte capita addirittura che non ci ricordiamo cosa abbiamo fatto il giorno prima, andando sempre così di corsa (a me succede ad esempio a volte quando devo compilare il mio time sheet). A volte sembriamo davvero dei criceti su una ruota: ma perchè è così? Ormai la cultura predominante del mondo in cui viviamo ci ha insegnato che ciò che abbiamo non è mai abbastanza. Questo è ancora più vero nel mondo degli affari: una corsa continua per fare sempre più soldi. La conseguenza è che dobbiamo rispettare scadenze sempre più strette e obiettivi sempre più difficili da raggiungere. La conclusione è che molti di noi iniziano ogni settimana sperando che arrivi presto il venerdì per scendere da questa giostra infernale per un paio di giorni.

Starai forse chiedendoti ora il significato di questa introduzione. Ho descritto questo scenario perchè cosa spesso accade dopo è assolutamente pazzesco! Quando finalmente è arrivato il momento delle tanto sognate due settimane di ferie, molte persone pianificano il loro viaggio o la loro vacanza programmando così tante cose da fare tutte insieme che servirebbe il doppio del tempo! Poi magari quando tornano e chiedi loro com’è andato il viaggio, rispondono semplicemente, “Sì, tutto bene, ci siamo divertiti…”. È come la vita di tutti i giorni: sono andati di fretta per tutta la vacanza e alla fine cosa è rimasto loro? Niente! Ad esempio, hai presente quei tour in autobus dove la gente viene portata a visitare una serie infinita di luoghi e li smarcano uno per uno da una lista? Arrivano in un posto, fanno qualche foto e poi risalgono sull’autobus chiedendo, “Dove si va ora?”.

Cosa possono ricordare veramente dopo un viaggio vissuto così? Che emozioni puoi provare viaggiando in questo modo con così tanta fretta? Non deve essere una corsa per vedere quanti più luoghi possibile. Dovresti tornare a casa con quanti più bei ricordi e momenti emozionanti possibili. Iniziamo a vivere lentamente quindi almeno nei viaggi che ci concediamo.

Slow travel: che cos’è?

Che cos’è quindi lo slow travel? Slow travel significa entrare in una profonda connessione con il luogo che stai visitando. Significa dedicare il giusto tempo alle cose, a partire dalle più semplici, come prendere un caffè. Non berlo camminando; indugia davanti la tazzina per un po’ di tempo; accomodati seduto; rilassati; sorseggialo lentamente e gustalo pienamente. Slow travel significa fermarsi lungo la strada ed ascoltare un cantante che canta una canzone che ti piace; significa aspettare che arrivi il tramonto in una spiaggia deserta. Ho già parlato brevemente di questi concetti nell’articolo che ho scritto riguardo il mio itinerario in Sudafrica. Dai tempo ai tuoi sensi e alla tua mente di vivere pienamente il momento e goderlo. Osserva cosa sta accadendo intorno a te; ascolta i suoni e soffermati sugli odori che ti circondano. Senti il tuo cuore battere e ascolta il tuo respiro. In generale, cerca sempre di essere consapevole di ogni momento che vivi. Lascia che i tuoi sensi si espandino e che le tue emozioni emergano e scorrino.

Dunque, potresti ora domandarti cosa potresti fare sul serio per viaggiare lentamente. Questi sono alcuni consigli pratici per il tuo prossimo viaggio.

Non fare programmi troppo serrati!

Non pianificare troppe cose in un singolo giorno. Come ho detto, dedica il giusto tempo ad ogni attività. Se stai visitando una spiaggia, ad esempio, trascorri lì almeno un paio d’ore: potrai volere fare una nuotata nell’oceano, rilassarti leggendo un libro oppure fare un breve pisolino.

Come dicono gli economisti, il tempo è una risorsa scarsa: non è mai abbastanza. Non importa quanti giorni tu abbia per il tuo viaggio: ci sarà sempre qualcosa per cui ti mancherà il tempo. Specialmente quando viaggiamo in luoghi molto lontani, qualche volta ci facciamo prendere dall’ansia perchè crediamo di dover tirar fuori il massimo dal viaggio visitando quante più attrazioni possibili, poichè pensiamo che forse non avremo più modo di tornare in quel luogo. Non è forse così? Ma ragionare così è assolutamente pazzesco, non sei d’accordo? Quindi, inizia a focalizzarti su cosa desideri davvero vedere e fare e vivi al massimo quei momenti.

Quindi, se ti pare che il tuo programma stia iniziando a diventare troppo serrato, non aver paura di eliminare qualcosa. È giusto così. Non si tratta di vedere luoghi, si tratta di provare emozioni.

Prova a perderti qualche volta!

Se stai visitando un quartiere, vaga semplicemente senza meta fra le sue strade e vai dove ti dice l’istinto: potrai scoprire così magari qualche luogo nascosto incantevole di cui innamorarti. Oppure, se stai guidando con la tua auto, prendi qualche strada secondaria e vedi dove porta.

Mi ricordo che un giorno stavo camminando lungo la battigia di South Beach a Miami e 30 minuti dopo mi ritrovai in cima ad un cavalcavia da cui ho potuto ammirare uno splendido tramonto con lo skyline della città sullo sfondo da un’ottima posizione! Un’altra volta mi trovavo invece in Belgio per trovare un amico e decidemmo di prendere il primo treno che si sarebbe fermato alla stazione: finimmo a Mechelen, che si rivelò essere una piacevole città.

Quindi, fidati del tuo istinto!

Non pianificare troppi chilometri al giorno in un road trip!

Se stai pianificando un road trip, non programmare troppi chilometri in un singolo giorno. Durante la guida, potresti voler fare una sosta presso una spiaggia bellissima e passarci qualche ora; oppure potresti voler prendere una deviazione e visitare qualche posto di cui hai sentito parlare lungo la strada… A meno che tu non possa fare altrimenti, io ad esempio non programmerei di guidare più di tre ore al giorno ad esempio. Quindi, quando pianifichi il tuo itinerario, considera attentamente quanti giorni hai a disposizione. Se ti rendi conto che per raggiungere la tua destinazione finale devi percorrere almeno 500 km al giorno, forse dovresti ripensare il tuo itinerario, magari accorciandolo un po’. Un road trip non dovrebbe essere una corsa estenuante. Vedi per esempio come ho pianificato il mio viaggio a Key West da Miami.

Non trascorrere solo una notte in un posto!

Dovresti provare ad immeggerti completamente nella cultura locale e nel luogo che stai visitando. Evita quindi di arrivare in un luogo la sera e ripartire la mattina per continuare il tuo viaggio. Cerca di trascorrere almeno una giornata intera in ogni posto in cui ti fermi durante il tuo road trip. Dovresti sentirlo in qualche modo tuo quando riparti e averne un bel ricordo.

A volte potresti essere attratto da qualche offerta speciale per voli in cui parti il sabato e torni la domenica: ne vale davvero la pena?

Vivi come un locale quanto più possibile!

Slow travel significa anche cercare di vivere come una persona locale quanto più possibile. Fai quel che fanno i locali; vai nei bar e ristoranti che frequentano; evita i luoghi troppo turistici. Spostati con i mezzi che utilizzano loro. Così potrai conoscere facilmente persone del posto, entrarci in contatto e conoscere meglio il luogo. Potrai ottenere ottimi consigli riguardo qualche perla nascosta che non è nominata in nessuna guida turistica. Utilizzando Uber per spostarmi negli Stati Uniti e in Australia, ho avuto molte conversazioni interessanti sia con gli autisti, sia con gli altri passeggeri. Ho ricevuto diversi utili suggerimenti da parte loro. Da persona straniera, ogni corsa con Uber per me è stata una sorta di esperienza di per sé. In particolare, se scegli l’opzione pool ride, l’autista passerà a prendere altre persone lungo il tragitto, di solito prendendo deviazioni dalla strada principale: così, avrai l’opportunità di vedere quartieri fuori dalle principali rotte turistiche ad esempio, dove altrimenti non saresti mai andato o magari non avresti proprio saputo che fossero esistiti.

Inoltre, dormendo presso la casa di persone locali, potrai conoscere ancora meglio il posto. Considera ad esempio di affittare una stanza con Airbnb. Di solito i proprietari sono molto entusiasti di ascoltare le storie dei viaggiatori che ospitano e sono pronti ad offrire dritte e suggerimenti. È sicuramente una bella esperienza.

Anche parlare la lingua del posto creerà una miglior connessione con la gente locale. Naturalmente, potrà essere un po’ complicato a seconda della tua destinazione, ma basta anche solo imparare alcune parole o frasi: le persone che incontri apprezzeranno il tuo sforzo!

Infine, se vuoi evitare posti troppo turistici e desideri invece andare dove vanno i locali, di solito le grandi città hanno dei gruppi Facebook locali dove parlano di eventi e raduni speciali: inizia a seguirli e vedi cosa c’è in corso! Sei un appassioanto di salsa e stai per andare a Miami? Scrivi semplicemente ad esempio “Salsa Miami” su Facebook e dai un’occhiata ai gruppi e alle pagine che ottieni.

Spero che tu abbia trovato questo articolo interessante: condividi le tue idee e le tue esperienze riguardo lo slow travel nei commenti qui sotto e non dimenticare di seguirmi sui social networks per rimanere sempre aggiornato!

9 thoughts on “Slow travel: give your emotions enough time to arise!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.