South Africa: a two-week wildlife road trip itinerary

Leggi in italiano!

South Africa is the southernmost country in Africa. It covers an area of 1,221,037 squared km (471,445 squared miles): it is about four times as large as Italy and about three times as large as California. It is bounded to the north by Namibia, Botswana, Zimbabwe, Mozambico and Swaziland. Moreover, inside its own territory, it surrounds Lesotho. It is almost completely south of the Tropic of Capricorn.

South Africa is a vast plateau with an altitude between 3,300 ft and 6,900 ft (1,000 m and 2,100 m). The climate is generally mild: in the north it tends to be subtropical with dry winters (from June to September) and wet summers (from December to March); in the south it is more temperate and more similar to that of the Mediterranean Sea.

South Africa is a world-famous destination for its natural parks, where nature lovers have the opportunity to go on a safari and observe wild animals in their natural habitat. The most renowned of South-African parks is definitely Kruger National Park, located in the north-east of the country, along the boundary with Mozambico, covering an area of about 7,500 sq mi (about 20,000 sq km). Here, you will have the chance to see wildlife in the savanna and be stunned by the beauty of nature.

So, in this post I am going to describe the itinerary of my two-week trip to South Africa, with particular focus on Kruger National Park, which was actually the main purpose of my journey. Let’s take a flight to South Africa, then! But, first, let me give you some practical information about the country.

What languages are spoken in South Africa?

In South Africa there are 11 different official languages! English is the language commonly used by media and the government and is widely spoken. Furthermore, Zulu is the most common language, spoken by the native black African population. Eventually, Afrikaans, derived from Dutch, the language spoken by the original European settlers, is common too, though in the past was sometimes considered as the language of the oppressors.

Do I need malaria tablets for South Africa?

Depending on which areas of South Africa you are planning to visit, you will need malaria tablets. Malaria is still endemic particularly in the north-east of the country, including Kruger National Park. On the contrary, other parts of South Africa are now malaria-free, in particular in the south-west around Cape Town. Moreover, the risk of malaria is much higher during the wet season from September to May and at low altitudes. For further information, search for malaria maps of South Africa on Google.

So, before your trip, I do recommend talking to your doctor, in order to start malaria prophylaxis.

In addition to begin malaria prophylaxis, you should take these precautions as well, to prevent mosquitos biting.

  • Apply a mosquito repellent to your exposed skin: make sure that your repellent contains DEET (diethyltoluamide).
  • Wear long-sleeved clothing during the day.
  • Hang a mosquito net over your bed at night.

What side of the road does South Africa drive on?

In South Africa they drive on the left side of the road, like in the United Kingdom or in Australia. If you have never driven on the left side of the road before and you are going to drive during your trip to South Africa, be super-careful in particular during the first days of your journey, because you will need a couple of days to get used to it. Driving roundabouts, crossing intersections or overtaking another car sound really weird at the beginning!

If you are going on a road trip, check out my tips about how to rent a car.

How long should you stay in South Africa?

As I mentioned above, I spent two weeks in South Africa and I focused on the east of the country. I had a road trip from Johannesburg to Durban through Kruger National Park and Swaziland. South Africa is a large nation and I did not visit a lot of other places, for instance Cape Town and the Garden Route in the south. Therefore, I would suggest spending a month in South Africa if you want to go on a complete road trip. Otherwise, you could save some time by taking some flights across the country.

How to get to South Africa

Johannesburg Tambo International Airport (IATA: JNB) is the international hub for all Southern Africa. From here, you can take domestic flights across the country. There are direct flights to Johannesburg from the major European cities.

My itinerary in South Africa

This is the itinerary my friends and I followed during our two-week trip to South Africa. We picked up our cars at the Johannesburg airport and return them at Durban. It was 1,754 km in total (1,096 miles).

  • Johannesburg – Soweto
  • Middelburg (161 km, 100 miles)
  • Sabie, Mac Mac Falls, Blyde River Canyon (225 km, 140 miles)
  • Phalaborwa (189 km, 118 miles)
  • Kruger National Park
    • Mopani Rest Camp (79 km, 49 miles)
    • Satara Rest Camp (119 km, 74 miles)
    • Pretoriuskop Camp (140 km, 87 miles)
  • Mlilwane Wildlife Sanctuary – Swaziland (269 km, 168 miles)
  • St Lucia (326 km, 204 miles)
  • Durban (245 km, 153 miles)

Soweto

Soweto (which stands for South Western Townships) is a township of Johannesburg, located about 26 km (16 miles) from the city centre. During the apartheid (ended in 1991), townships were the underdeveloped areas where non-white people were supposed to live. Soweto was one of the biggest townships in South Africa and became particularly famous after the uprising of 1976, when black people protested against the introduction of Afrikaans in their schools by the government: 23 people lost their lives during the riots. Moreover, Nelson Mandela was born here. We visited Soweto on a tour with a local guide. In any case, I found the neighborhood quite safe.

What to see in Soweto

The main attractions of Soweto are the Hector Pieterson Memorial (a kid shot during the riots on June 16th 1976) and the Mandela House Museum, the place where Nelson Mandela lived between 1946 and 1962.

The Hector Pieterson Memorial

This is the dedication of the Memorial:

To honour the youth who gave their lives in the struggle for freedom and democracy

Eventually, you can have a look at the FNB Stadium, built for the Football World Cup held in South Africa in 2010, and see its iconic shape.

Middelburg

After visiting Soweto, we left Johannesburg and headed east. As we left in the late afternoon, we could not get to Sabie within the day. So, we had to sleep somewhere halfway: we spent the night in a beautiful guest-house in Middelburg.

Our guest house in Middelburg

The owners, a senior couple, delighted us with a wonderful dinner. I had the chance to taste a typical South African dish, a mix of baked meat and vegetables with banana peels on top: it looked like Italian lasagne, but it had not any pasta layer. After some research at home, I suppose it must have been the famous Bobotie.

Finally, we had an amazing fruit salad. It was a pity to eat it, as it looked so beautiful.

A delicious fruit salad in Middelburg

Later, I was struck again by this beautiful quote written on our bathroom, that somehow summarized the warm welcome we received:

Love isn’t a big thing. It’s a million little things.

Blyde River Canyon

The next day we left in the morning and continued our journey going east to explore the area around Sabie and the Blyde River Canyon. We are now entering the Mpumalanga province, that means “The place where the sun rises”. This is a beautiful scenic drive (the so-called Panorama Route) across the central plateau of South Africa and the Drakensberg mountains, offering amazing view points.

How to get to Blyde River Canyon and what to see

From Sabie, first take the R532 road north to Graskop and visit the Mac Mac falls along the way. Then, keep driving north along the R532 and take a slight detour turning right onto the R534: along this road you can enjoy amazing viewpoints over the plateau and the Drakensberg mountains. The most famous of them is definitely the “God’s Window“.

The “God’s Window” viewpoint

At the end, the R534 merges into the R532 again: so, keep driving north and head to the “Three Rondavels” viewpoint, perhaps the most wonderful over the Blyde River Canyon.

The “Three Rondavels” viewpoint over the Blyde River Canyon

At the end of the day, we watched our first African sunset and then we spent the night in Phalaborwa, a town further north in the Limpopo province, along the border of Kruger National Park.

Sunset over the Mpumalanga province

Kruger National Park

Exploring Kruger National Park is the dream for every nature lover. It is a huge natural reserve that covers an area of 19,485 sq km (7,523 sq mi): it is about as large as Tuscany, in Italy, or Wales, in the United Kingdom. Here, you have the opportunity to spot wildlife in their natural habitat: it is definitely an awesome experience I will never forget. One of the most amazing things you can do at Kruger National Park is that you can drive across it with your own car, as the main roads are asphalted. On the contrary, you will definitely need an off-road car to drive along secondary dirt roads. Otherwise, you may take part in a guided safari.

We drove across Kruger National Park from north to south: we entered the park through the Phalaborwa Gate. This town is an ideal place to spend night before the visit to the park, because the next day you can be very early at the gate and avoid the long queues.

In general, if you wish to sleep in the camps inside the park during your visit, which I definitely recommend, you should book in advance; otherwise, you will have to get in and out the park every day, which is quite stressful and much less exciting in my opinion.

In fact, visiting the Kruger National Park is not just about driving across it to spot the wildlife. It is more than simply that. Immerse yourself in the savanna atmosphere; breathe its air; relax and enjoy the silence; listen to the sounds of nature. A wonderful experience I had during our stay at the Satara Rest Camp was to enjoy my breakfast on a wooden veranda overlooking the savanna: it was such a peaceful moment. You are in Africa: take your time. Do not get nervous if, after thirty minutes, you haven’t got your coffee yet .

One of the most challenging goals of a visit to Kruger National Park is to spot all the Big 5, the five largest animals of the savanna and in the past considered as the most dangerous to hunt: the buffalo, the elephant, the leopard, the lion and the rhinocero. Of course, I hoped to sight them all too (unfortunately, I missed the leopard), but that must not become an obsession. I saw groups of people driving across the park for twelve hours a day, trying to see as much as possible. Most of the time, one person was driving and the others were asleep on the backseat. I wonder what their memories are now about this wonderful place…

Where to stay in Kruger National Park

As I mentioned above, we spent three nights inside the park, staying in three different camps:

  • Mopani Rest Camp (in the north)
  • Satara Rest Camp (in the centre)
  • Pretoriuskop Camp (in the south)

Wildlife in Kruger National Park

It is such a great feeling to have the chance of seeing wild animals so close in their natural habitat!

The animal you will see most during your visit is definitely the impala. There are over 100,000 of them! They have such a sweet and innocent look and they are really fast: be careful while you are driving, because a herd of them might jump suddenly from one side of the road to the other, right in front of you!

A herd of impalas in Kruger National Park

At the same time, all herbivores all quite common in Kruger National Park and easy to spot. The most tricky to observe is perhaps the giraffe: they are usually pretty shy and run away immediately when they see visitors.

A zebra family in Kruger National Park
A pair of elephants in Kruger National Park
A giraffe in Kruger National Park

It goes without saying that I felt the strongest emotions when I spotted some carnivores. I remember well the lion and the lioness we saw during our drive, even though only from afar.

A lion and a lioness in Kruger National Park

On the contrary, we had a much closer encounter with a cheetah in two different days. Cheetahs are definitely the most elegant creatures I have ever seen. They are wonderful!

A cheetah in Kruger National Park
A cheetah at sunset in Kruger National Park

As we visited the park in August during the dry season, the savanna looked barren and sterile. Rivers were quite dry and the landscape was generally desolate.

An almost dry river across Kruger National Park

Swaziland and Mlilwane Wildlife Sanctuary

After three nights in Kruger National Park it was time to continue our journey. Going south the landscape started slowly to change, the dirt roads looked much more reddish and the vegetation got lusher.

Leaving Kruger National Park

We left the park through the Malelane Gate, crossing the Crocodile River.

The Crocodile River

We then headed south along the R570 road and we crossed the Swaziland border through the Jeppes Reef station.

Swaziland (actually named Eswatini since 2018) is a kingdom, independent since 1968, whose government is an absolute monarchy. It features beautiful mountain landscapes. Therefore, the road (which after the border is named MR1) is characterized by many bends and is quite steep.

When we arrived at the Mlilwane Wildlife Sanctuary in the evening, we had a wonderful dinner outside around a bonfire, cooked by the locals: we had a sort of meat stew. It was indeed a very special moment.

What to do in Mlilwane Wildlife Sanctuary

The Mlilwane Wildlife Sanctuary is a very peaceful and relaxed oasis, where you can do different activities, like hiking or biking, and spot wildlife, in particular herbivores like impalas and zebras.

St. Lucia

We just spent one night in Mlilwane Wildlife Sanctuary. In the afternoon we jumped in our vans and hit the road, driving south to St. Lucia.

St. Lucia is a small town on the East coast of South Africa, facing the Indian Ocean. It is located in an area characterized by lakes, rivers and wetlands in the KwaZulu-Natal province.

St. Lucia looks like a typical sea-side destination: in Mckenzie St (the main street of the town) you can find many lodges, restaurants and shops. In fact, St. Lucia features also a long wide sandy beach, very popular for surfers, that stretches for miles.

St. Lucia is also famous for being home for the largest population of hippos in South Africa: about 800 hippos live here. It is not uncommon to see one of them roaming free along the streets of the town. Be careful should you meet one, as they are dangerous.

We spent three nights in St. Lucia, so we had enough time to explore its surroundings thoroughly.

Things to do in St. Lucia South Africa

A boat cruise into the St. Lucia estuary is a great experience. It will allow you to explore the wetlands and have close encounters with hippos and crocodiles. The cruise lasts about two hours and it is an easy and relaxing activity.

Cruise into St. Lucia estuary

Then, you can spend a day driving to Cape Vidal: it is an amazing 30-km drive (19 miles) across the wetlands in the iSimangaliso Wetland Park. During your drive you can stop at different viewpoints, the most stunning of which is definitely Mission Rocks Beach.

Mission Rocks Beach

At the end of the road you will find Cape Vidal and a pristine wide beach, whose wild side definitely reminded me of the California coast (read my post about Southern California beaches). The water is usually warm here, thanks to the currents from the Indian Ocean: just be careful, as the currents may be strong at times. We dived into the ocean and had a lot of fun here.

Cape Vidal Beach

Finally, you can have a cultural guided tour in a Zulu village near St Lucia. You have the opportunity to visit the local school, hang out with the children and visit some houses and the families that live there. It was an impressive and emotional experience, as you can see with your own eyes that the effects of the apartheid are not over yet, even though it officially ended in 1991.

Durban

After three days in St. Lucia, we headed to Durban for the last stop of our journey.

As one of the cities host of the 2010 World Cup, Durban was hugely modernized and underwent large urban developments. In particular, the Marine Parade has become one of the main attractions of the city and a very lively spot, featuring many front-beach hotels and bars. At the end of the Parade you can find a pier, just in front of the UShaka Marine World, from where you can enjoy beautiful views over the city.

View over Durban at sunset

This was our last night in South Africa and therefore the end of our trip.

As I mentioned at the beginning of this post, should you have more available days, from here you could continue your road-trip along the Garden Route all the way down to Cape Town.

I hope you found this post interesting and helpful: if so, follow me on social networks and get the latest updates!

Sudafrica: itinerario di due settimane fra wildlife e natura

Il Sudafrica è la nazione più meridionale dell’Africa. Ricopre una superficie pari a 1.221.037 kmq: è quindi grande quanto quattro volte l’Italia e tre volte quanto la California. Confina a nord con la Namibia, il Botswana, lo Zimbabwe, il Mozambico e lo Swaziland. Inoltre, all’interno del proprio territorio, circonda interamente il Lesotho. Si trova infine quasi completamente a sud del Tropico del Capricorno.

Il Sudafrica è un vasto altopiano con un’altitudine che oscilla fra i 1.000 m e i 2.100 m. Il clima è generalmente mite: nel nord tende ad essere sub-tropicale con inverni secchi (da giugno a settembre) ed estati umide (da dicembre a marzo); nel sud il clima è più temperato e più simile a quello mediterraneo.

Il Sudafrica è una destinazione famosa a livello mondiale per i suoi parchi naturali, dove gli amanti della natura hanno l’opportunità di fare un safari e osservare gli animali selvatici nel loro habitat naturale. Il più rinomato dei parchi sudafricani è senza dubbio il Kruger National Park, situato nel nord-est del Paese, lungo il confine con il Mozambico, ricoprendo un’area pari a circa 20.000 kmq. Qui, avrai l’opportunità di ammirare la natura più selvaggia all’interno della savana ed essere rapito dalla straordinarietà di tale natura.

Dunque, in questo articolo, descriverò l’itinerario del mio viaggio di due settimane in Sudafrica, con particolare riferimento al Kruger National Park, che rappresentava la meta principale del viaggio.

Prendiamo un volo per il Sudafrica quindi! Ma prima vi fornirò alcune pratiche informazioni riguardo il Paese.

Che lingua si parla in Sudafrica?

In Sudafrica ci sono ben 11 diverse lingue ufficiali! L’Inglese è la lingua più comunemente usata dai media e dal governo ed è ampiamente parlata. Inoltre, lo Zulu è la lingua più diffusa, parlata dalla popolazione nativa africana. Infine, l’Afrikaans, derivante dall’Olandese, la lingua parlata dai colonizzatori europei, è a sua volta molto comune, sebbene in passato sia stata a volte considerata come la lingua degli oppressori.

È necessaria la profilassi antimalarica in Sudafrica?

A seconda di quali aree del Sudafrica stai pianificando di visitare, la profilassi antimalarica è necessaria. La malaria è ancora endemica particolarmente nel nord-est del Paese, che comprende anche il Kruger National Park. Al contrario, altre zone del Sudafrica sono ora malaria-free, in particolare nel sud-ovest intorno a Città del Capo. Inoltre, il rischio di contrarre la malaria è assai più alto durante la stagione umida da settembre a maggio e a basse altitudini. Per maggiori informazioni, fai una ricerca su Google in merito alle zone a rischio malaria.

Di conseguenza, prima del tuo viaggio, ti suggerisco di parlarne con il tuo medico, in modo da iniziare la profilassi per tempo.

Oltre a cominciare la profilassi, puoi comunque prendere queste precauzioni, in modo da prevenire le punture di zanzara.

  • Applica un repellente per zanzare sulla superficie della tua pelle esposta: assicurati che il repellente sia a base di DEET (dietiltoluamide).
  • Indossa abbigliamento a maniche lunghe durante il giorno.
  • Predisponi una zanzariera intorno al tuo letto durante la notte.

Da quale lato della carreggiata si guida in Sudafrica?

In Sudafrica si guida sul lato sinistro della carreggiata, come in Gran Bretagna o in Australia. Se non hai mai guidato a sinistra in passato e hai intenzione di metterti alla guida durante il tuo viaggio in Sudafrica, fai molta attenzione in particolare durante i primi giorni del tuo viaggio, perchè avrai bisogno di un paio di giorni per abituarti. Immettersi in una rotonda, attraversare un incrocio o sorpassare un’altra auto risulta veramente strano all’inizio!

Se stai pianificando un road trip, dai un’occhiata ai miei suggerimenti su come noleggiare un’auto.

Quanti giorni stare in Sudafrica?

Come accennato all’inizio, ho trascorso circa due settimane in Sudafrica, visitando in particolare l’est del Paese. Ho fatto un road trip da Johannesburg a Durban attraverso il Kruger National Park e lo Swaziland. Il Sudafrica è una vasta nazione e ci sono molti luoghi che non ho visitato, ad esempio Città del Capo e la Garden Route nel sud. Quindi, ti suggerirei di trascorrere un mese in Sudafrica se vuoi effettuare un road trip completo. Altrimenti, potresti risparmiare del tempo prendendo dei voli interni.

Come arrivare in Sudafrica

Il Johannesburg Tambo International Airport (IATA: JNB) è l’hub internazionale per tutta l’Africa meridionale. Da qui, puoi prendere voli all’interno del Sudafrica. Ci sono voli diretti a Johannesburg dalle principali città europee.

Il mio itinerario in Sudafrica

Questo è l’itinerario che i miei amici ed io abbiamo seguito durante il nostro viaggio di due settimane in Sudafrica. Abbiamo ritirato le nostre auto a noleggio presso l’aeroporto di Johannesburg e le abbiamo riconsegnate a Durban. In totale abbiamo percorso 1.754 km.

  • Johannesburg – Soweto
  • Middelburg (161 km)
  • Sabie, Mac Mac Falls, Blyde River Canyon (225 km)
  • Phalaborwa (189 km)
  • Kruger National Park
    • Mopani Rest Camp (79 km)
    • Satara Rest Camp (119 km)
    • Pretoriuskop Camp (140 km)
  • Mlilwane Wildlife Sanctuary – Swaziland (269 km)
  • St Lucia (326 km)
  • Durban (245 km)

Soweto

Soweto (che sta per South Western Townships) è una township di Johannesburg, situata a circa 26 km dal centro della città. Durante l’apartheid (terminato nel 1991), le townships erano dei sobborghi dove viveva la popolazione non bianca. Soweto è stata una delle più vaste townships in Sudafrica e divenne tristemente famosa dopo la rivolta del 1976, quando la popolazione di colore protestò contro l’introduzione dell’Afrikaans nelle scuole da parte del governo: 23 persone persero la vita durante gli scontri. Inoltre, qui nacque Nelson Mandela. Noi abbiamo visitato Soweto con un tour guidato. In ogni caso, ho trovato il quartiere piuttosto sicuro.

Cosa vedere a Soweto

Le attrazioni principali di Soweto sono l’Hector Pieterson Memorial (un ragazzino ucciso da un proiettile durante gli scontri del 16 giugno del 1976) e il Mandela House Museum, la casa dove Mandela visse fra il 1946 e il 1962.

Hector Pieterson Memorial

Questa è la dedica dell’Hector Pieterson Memorial:

To honour the youth who gave their lives in the struggle for freedom and democracy

Infine, puoi dare un’occhiata allo FNB Stadium, costruito in occasione dei Mondiali di calcio tenutisi in Sudafrica nel 2010, e osservarne la sua caratteristica forma.

Middelburg

Dopo aver visitato Soweto, lasciammo Johannesburg e ci dirigemmo verso est. Poichè partimmo nel tardo pomeriggio, non potevamo raggiungere Sabie in giornata. Perciò, dovevamo dormire in qualche posto a metà strada: trascorremmo dunque la notte in una guest-house molto carina a Middelburg.

La nostra guest house a Middelburg

I proprietari, una coppia di mezza età, ci deliziarono con una cena favolosa. Ebbi così l’occasione di assaggiare un tipico piatto sudafricano, un mix di carne e verdure cotte in forno ricoperte di bucce di banana: una specie di lasagne, ma senza alcun strato di pasta sfoglia. Dopo qualche ricerca su Internet a casa, credo che si sia trattato del famoso Bobotie.

Infine, concludemmo la cena con una buonissima insalata di frutta. Era quasi un peccato mangiarla, dato che aveva un aspetto così bello da vedere.

Una deliziosa insalata di frutta a Middelburg

Più tardi, rimasi di nuovo impressionato da questa bella citazione scritta nel bagno, che riassumeva la calorosa accoglienza ricevuta:

Love isn’t a big thing. It’s a million little things.

Blyde River Canyon

Il giorno seguente partimmo la mattina e continuammo il nostro viaggio verso est per esplorare l’area intorno a Sabie e al Blyde River Canyon. Ora stiamo entrando nella provincia di Mpumalanga, che significa “Il luogo dove sorge il sole”. Questa è una stupenda strada panoramica (la cosiddetta Panorama Route) attraverso l’altopiano centrale del Sudafrica e le Drakensberg mountains (Monti dei Draghi), che offrono viste incredibili.

Come arrivare al Blyde River Canyon e cosa vedere

Da Sabie, prima prendi la strada R532 in direzione nord verso Graskop e visita le Mac Mac falls lungo la strada. Quindi, continua a guidare verso nord lungo la R532 e prendi una leggera deviazione girando a destra sulla R534: lungo questa strada potrai ammirare paesaggi incredibili verso l’altopiano e le Drakensberg mountains. Il punto panoramico più famoso è certamente la “God’s Window“, la finestra di Dio.

“God’s Window”

Alla fine, la R534 si immette di nuovo nella R532: continua quindi a guidare verso nord e dirigiti verso le “Three Rondavels” (le tre capanne, dal nome delle tipiche abitazioni Zulu), forse il punto panoramico più bello sul Blyde River Canyon.

Punto panoramico “Three Rondavels” sul Blyde River Canyon

A fine giornata, ammirammo il nostro primo tramonto africano e passammo la notte a Phalaborwa, una cittadina ancora più a nord nella provincia di Limpopo, al confine con il Kruger National Park.

Tramonto sulla provincia di Mpumalanga

Il Kruger National Park

Esplorare il Kruger National Park è il sogno per qualsiasi amante della natura. Si tratta di una immensa riserva naturale che copre un’area di 19.485 kmq: è grande tanto quanto la Toscana o il Galles, nel Regno Unito. Qui, avrai l’opportunità di ammirare gli animali selvatici nel loro habitat naturale: è certamente un’esperienza incredibile che non dimenticherò mai. Una delle cose più eccitanti che puoi fare al Kruger National Park è che puoi guidare al suo interno con la tua propria auto, poichè le strade principali sono asfaltate. Al contrario, avrai certamente bisogno di un fuoristrada per guidare lungo le strade sterrate secondarie. Altrimenti, puoi partecipare ad un safari guidato.

Attraversammo il Kruger National Park da nord a sud: entrammo nel parco dal Phalaborwa Gate. Questa città è il luogo ideale per trascorrere la notte precedente alla visita del parco, perchè così il giorno seguente potrai essere di buon’ora all’ingresso ed evitare le lunghe code.

In generale, se desideri dormire nei campeggi all’interno del parco durante la tua visita, cosa che consiglio assolutamente, dovresti prenotare in anticipo; altrimenti, dovrai entrare ed uscire dal parco ogni giorno, che diventa piuttosto stressante e molto meno eccitante a mio parere.

Infatti, visitare il Kruger National Park non è solo girovagare al suo interno cercando di avvistare la fauna. È molto più di questo. Immergiti nell’atmosfera della savana; respira la sua aria; rilassati e goditi il silenzio; ascolta i suoni della natura. Una esperienza meravigliosa che ho avuto durante la permanenza al Satara Camp è stata quella di fare colazione su una veranda di legno sopraelevata con vista sulla savana: fu un momento così rilassante. Sei in Africa: prenditi il tuo tempo. Non innervosirti se, dopo mezz’ora, non hai ancora bevuto il caffè che avevi ordinato.

Uno degli obiettivi più sfidanti di una visita al Kruger National Park è quello di avvistare tutti i Big 5, i cinque animali più grandi della savana e in passato considerati i più pericolosi da cacciare: il bufalo, l’elefante, il leopardo, il leone ed il rinoceronte. Naturalmente, pure io speravo di osservarli tutti (sfortunatamente mi è mancato il leopardo), ma questo non deve diventare un’ossessione. Ho visto gruppi di persone guidare all’interno del parco per dodici ore al giorno, cercando di vedere quanto più possibile. La maggior parte del tempo una persona era alla guida e gli altri erano addormentati sul sedile posteriore. Mi chiedo quali siano i loro ricordi adesso…

Dove dormire al Kruger National Park

Come detto precedentemente, abbiamo trascorso tre notti nel parco, pernottando in tre diversi campeggi:

  • Mopani Rest Camp (nel nord)
  • Satara Rest Camp (nel centro)
  • Pretoriuskop Camp (nel sud)

Wildlife nel Kruger National Park

È veramente una sensazione incredibile avere l’occasione di vedere animali selvatici così da vicino nel loro habitat naturale!

L’animale che incontrerai più spesso durante la tua visita è sicuramente l’impala. Ce ne sono oltre 100.000! Hanno uno sguardo dolce e innocente e corrono davvero veloci: fai attenzione mentre guidi, perchè un loro branco potrebbe saltare all’improvviso da un lato all’altro della strada, proprio davanti a te!

Un gruppo di impala nel Kruger National Park

Allo stesso tempo, tutti gli animali erbivori sono piuttosto comuni nel Kruger National Park e facili da avvistare. Il più difficile da osservare è forse la giraffa: sono di solito piuttosto timide e scappano via immediatamnete appena notano dei turisti.

Una famiglia di zebre nel Kruger National Park
Una coppia di elefanti nel Kruger National Park
Una giraffa nel Kruger National Park

Non c’è bisogno di dire che ho provato le emozioni più forti quando ho avvistato qualche animale carnivoro. Ricordo bene il leone che osservammo durante il nostro safari, anche se solo da lontano.

Un leone e una leonessa nel Kruger National Park

Al contrario, abbiamo avuto un incontro assai più ravvicinato con un ghepardo in due diverse occasioni. I ghepardi sono sicuramente le creature più eleganti che abbia mai visto. Sono meravigliosi!

Un ghepardo nel Kruger National Park
Un ghepardo al tramonto nel Kruger National Park

Poichè visitammo il parco in agosto durante la stagione secca, la savana appariva piuttosto arida e priva di vita. I fiumi erano in secca e il paesaggio generalmente desolato.

Un fiume quasi in secca nel Kruger National Park

Swaziland e il Mlilwane Wildlife Sanctuary

Dopo tre notti nel Kruger National Park era giunto il momento di proseguire il nostro viaggio. Andando verso sud, il paesaggio iniziava lentamente a cambiare, le strade sterrate apparivano molto più rossastre e la vegetazione diventava pian piano più rigogliosa.

Verso l’uscita dal Kruger National Park

Lasciammo il parco attraverso il Malelane Gate, attraversando il Crocodile River.

Crocodile River

Ci dirigemmo quindi verso sud lungo la R570 e attraversammo il confine con lo Swaziland attraverso la stazione di Jeppes Reef.

Lo Swaziland (in realtà rinominato Eswatini dal 2018) è un regno indipendente dal 1968, il cui governo è una monarchia assoluta. È caratterizzato da splendidi paesaggi di montagna. La strada (dopo il confine la R570 diventa la MR1), quindi, si caratterizza per le molte curve ed è piuttosto ripida.

Quando la sera arrivammo al Mlilwane Wildlife Sanctuary, ci gustammo una cena molto suggestiva intorno ad un falò, preparata dai locali: mangiammo una sorta di spezzatino di carne. Fu veramente un momento molto speciale.

Cosa fare al Mlilwane Wildlife Sanctuary

Il Mlilwane Wildlife Sanctuary è un’oasi di pace molto tranquilla e rilassante, dove potrai fare diverse attività, come passeggiate e gite in bicicletta, e osservare gli animali, in particolare erbivori come impala e zebre.

St. Lucia

Trascorremmo solo una notte al Mlilwane Wildlife Sanctuary. Nel pomeriggio ci mettemmo di nuovo alla guida dei nostri furgoni in direzione di St. Lucia verso sud.

St. Lucia è una piccola città sulla costa orientale del Sudafrica, che si affaccia sull’Oceano Indiano. È situata in un’area caratterizzata da laghi, fiumi e zone umide (wetlands) nella provincia di KwaZulu-Natal.

St. Lucia appare come una tipica cittadina marittima: in Mckenzie St (la via principale della città) troverai molti alloggi, ristoranti e negozi. St. Lucia infatti è caratterizzata anche da una lunga spiaggia di sabbia, molto popolare per i surfisti, che si allunga per chilometri.

St. Lucia è famosa anche per ospitare la più numerosa popolazione di ippotami in Sudafrica: circa 800 ippopotami infatti vivono qui . Non è raro vederne qualcuno vagare liberamente lungo le vie della città. Fai attenzione se dovessi incontrarne uno, poichè possono essere molto pericolosi.

Abbiamo trascorso tre notti a St. Lucia: abbiamo quindi avuto tempo a sufficienza per visitarne a fondo i dintorni.

Cosa vedere e fare a St. Lucia – Sudafrica

Una gita in barca sull’estuario del St. Lucia è una esperienza da provare. Ti permetterà di esplorare le zone umide (wetlands) e di avere incontri ravvicinati con ippopotami e coccodrilli. L’escursione dura circa due ore ed è un’attività molto rilassante e accessibile a tutti.

Navigazione nell’estuario del St. Lucia

Poi, puoi trascorrere una giornata guidando fino a Cape Vidal: è una piacevole strada attraverso le wetlands nel iSimangaliso Wetland Park. Durante la guida puoi fermarti a diversi punti panoramici, il più suggestivo dei quali è certamente Mission Rocks Beach.

Mission Rocks Beach

Alla fine della strada troverai Cape Vidal ed una lunga spiaggia incontaminata, il cui lato selvaggio mi ha ricordato la costa della California (leggi il mio articolo riguardo le spiagge della California del sud). Di solito qui l’acqua è calda, grazie alle correnti dall’Oceano Indiano: presta solo attenzione alla corrente che a volte può essere piuttosto forte. Ci tuffammo nell’oceano e ci divertimmo molto.

La spiaggia di Cape Vidal

Infine, puoi cogliere l’occasione per effettuare un tour guidato culturale presso un villaggio Zulu vicino St. Lucia. Avrai l’opportunità di visitare la scuola locale, scherzare con i bambini e visitare alcune case di famiglie che vivono qui. Fu un’esperienza molto impressionante ed emozionante, poichè ebbi modo di vedere con i miei occhi che gli effetti dell’apartheid non sono ancora terminati, pur essendo tale politica ufficialmente conclusa nel 1991.

Durban

Dopo tre giorni a St. Lucia, ci dirigemmo verso Durban per l’ultima tappa del nostro viaggio.

In qualità di città ospitante dei Mondiali di calcio del 2010, Durban è stata largamente modernizzata e ha subito una serie di importanti sviluppi urbanistici. In particolare, la Marine Parade (il lungomare) è diventata una delle principali attrazioni della città e una zona molto vivace, caratterizzata da molti hotel e bar fronte spiaggia. Alla fine del lungomare si trova un molo, proprio di fronte allo UShaka Marine World, da cui puoi godere di viste magnifiche verso la città.

Vista verso Durban al tramonto

Questa fu la nostra ultima notte in Sudafrica e quindi la fine del nostro viaggio.

Come ho spiegato all’inizio dell’articolo, se dovessi avere maggior tempo a disposizione, da qui potresti continuare il tuo road trip lungo la Garden Route per tutta la costa fino a Città del Capo.

Spero che tu abbia trovato questo post interessante e d’aiuto: se così, seguimi sui social networks e rimani sempre aggiornato!

One thought on “South Africa: a two-week wildlife road trip itinerary

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.